Noi non vogliamo fermarci! Sostienici.

3 maggio 2020

Il Baobab – Associazione Culturale e di Promozione Sociale.

Saremo forse gli ultimi a riaprire. Siamo un’associazione e pertanto fare assembramento è implicito nel nostro essere. Per noi, come per tutte le associazioni e realtà del terzo settore, non è un tempo facile. Come si fa a stare distanti, per noi che esistiamo per “avvicinare”? Chi ci conosce sa già che noi operiamo su due fronti: il Sud del Mondo, Africa in primis, e sul territorio con azioni di sensibilizzazione. Non vendiamo prodotti, esperienze o spettacoli. Condividiamo sogni e sogniamo un Mondo “Altro” ma non quello che stiamo vivendo in questo momento. Siamo per l’incontro, per la conoscenza dell’Altro, per un Mondo in cui tutti possano avere le stesse opportunità e strumenti per una vita dignitosa, sostenibile. Noi ci sentiamo vivi e ricchi se ci incontriamo, se stiamo insieme, se riusciamo a creare lo spirito della grande famiglia. E se in questi giorni si può avere contatti solo con la propria famiglia, per noi famiglia è anche chi vive dall’altra parte del Mondo. Quella parte che qualcuno finge di non vedere. Noi ci incontriamo in sede e aspettiamo i nostri soci, amici, volontari, sostenitori, per stare insieme, raccontarci, formarci, riflettere, collaborare, creare. Abbiamo bisogno del contatto umano. Per anni abbiamo provato ad insegnare –  soprattutto agli uomini e ai papà – che abbracciare, dire un “ti voglio bene”, piangere non è da deboli ma è segno di forza e fa bene al cuore, all’anima, al corpo. La pandemia sembra riportarci indietro. “A me non mi sta bene che no!” direbbe qualcuno. Oggi è emergenza sanitaria ed in nome di una salvezza comune rinunciamo a quegli abbracci ma solo per recuperarli domani. Questo periodo non mette a tacere le nostre coscienze e le nostre domande: “Quanta gente muore ogni giorno nel silenzio mediatico per gli stili di vita, per le scelte, per le decisioni di pochi? E tutto il male che stiamo facendo a Madre Terra? In questi casi non si parla di emergenza? Eppure a pensarci bene, lo sforzo da fare per lenire queste ferite sarebbe minore rispetto a ciò che ci è stato chiesto in questi due mesi.”

Noi non vogliamo fermarci! Saremo forse gli ultimi a riaprire ma non a ripartire.  Esserci, continuare la nostra missione, è vitale per noi quanto per tutte le persone che credono in noi e nel nostro supporto. Per Eliana in El Salvador che conta su di noi per i suoi studi, per la comunità di Cotakiou, per Mariella Tapella con l’equipe di Sercoba, per chi passa in sede e si sente catapultato in Africa, in quel viaggio che avrebbe sempre voluto fare, per chi quel viaggio lo ha affrontato al contrario e da noi si sente un po’ a casa. Abbiamo dei costi da sostenere, non sarà facile, ma noi non ci arrendiamo.

Se vuoi e puoi darci una mano a continuare questo percorso ultradecennale fatto di incontri, di parole, di sogni e di culture dona il tuo 5xmille oppure fai una donazione: IBAN IT33X0306978634100000006986